4.4 Saperi della Civiltà mineraria - Agrigento

La storia della cultura mineraria della provincia di Agrigento è legata sia all'estrazione dello zolfo, ma anche del salgemma. Entrambi furono minerali che diedero un grande impulso all'economia del luogo. Completa il ciclo dello zolfo, dopo l'estrazione e la fusione, la collocazione del minerale sul mercato. Quest'ultima fase è determinante per il successo del ciclo solfifero e per l’eventuale sviluppo delle fasi successive. Il trasporto del minerale dal giacimento alla ferrovia avveniva quasi esclusivamente a dorso del mulo o con i carretti quando lo stato delle strade lo consentiva. L’incremento della rete ferroviaria sviluppò le comunicazioni nella media e lunga percorrenza. Per quasi tutta la “stagione dello zolfo” la zona meridionale dell’isola rimaneva sprovvista di vere attrezzature portuali. I “caricatoi” corrispondevano a strutture portuali grossolane. Tra quest’ultime, in concomitanza con la fase di maggiore produzione dello zolfo, si colloca Porto Empedocle.

Approfondimento REIS

Saperi della civiltà mineraria - Agrigento