3.3 Gioacchino Cataldo e la pesca del tonno - Favignana

Da marzo a luglio

Numerose fonti storiche ci accompagnano a scoprire la storia della pesca del tonno. Dell’antico e cruente rito, a Favignana, rimane memoria in scatti fotografici, video e racconti di coloro che operavano per la tonnara dell’isola. La pesca del tonno a Favignana, a cavallo tra il 1800 e il 1900, fu prerogativa della ricca famiglia dei Florio che avviò nell’isola un innovativo processo di produzione e lavorazione. La pesca prendeva avvio nella stagione primaverile, in cui i tonni in cerca di nuovi amori si spostavano dalle fredde acque del nord in direzione del Mediterraneo. La sapienza del Rais, il capo delle operazioni di pesca, e della sua ciurma, entravano in gioco nell’arte di tessere le trappole in mare e di armarsi per condurre una cruente e faticosa battuta di pesca.
Gioacchino Cataldo, nato a Favignana nel 1941, è profondo conoscitore dell'arte della mattanza: ex rais, è un grande divulgatore della tradizione millenaria della pesca del tonno.

Gioacchino Cataldo - Approfondimento REIS

Pesca del tonno a Favignana - Approfondimento REIS

Gioacchino Cataldo e la pesca del tonno - Favignana